Graham Hill




Norman Graham Hill Nato in Hampstead Gran Bretagna, il 15 febbraio 1929.
Morto a Arkley Gran Bretagna, il 29 novembre 1975;
è stato un pilota automobilistico britannico, due volte campione del mondo nel 1962 e nel 1968,
ed è anche l'unico pilota ad aver vinto la Triple Crown (Triple Corona).
Vincere la triple corona consiste nel vincere;
( Il Campionato del Mondo di Formula 1, o il Gran Premio di Monaco,)
la 500 Miglia di Indianapolis e la 24 Ore di Le Mans.

......................................Carriera motoristica..............................................

Graham Hill. Inizialmente il suo interesse era il motociclismo; ma nel 1954 vide una pubblicità dell'Universal Motor Racing Club a Brands Hatch,
che offriva la possibilità di girare in circuito per cinque scellini.
Fece così il suo debutto in una Cooper 500 di Formula 3, e da quel momento in poi il suo interesse si dedicó alle gare automobilistiche.
La Lotus Ford 49 del 1958

Hill entrò nella squadra Lotus come meccanico, ma arrivò rapidamente al posto di guida. La Lotus correva in Formula 1 e questo permise a Graham di debuttare al Gran Premio di Monaco 1958, dove si ritirò per la
rottura di un  semiasse.


  Nel 1960 passò alla BRM, con cui vinse il titolo mondiale nel 1962.

nel 1962 Campione con la BRM
Hill fece anche parte della cosiddetta "invasione inglese" di piloti e vetture alla 500 Miglia di Indianapolis a metà degli anni '60, vincendo nel 1966 con una Lola-Ford.

Nel 1967, tornato alla Lotus, Hill contribuì allo sviluppo della Lotus 49, spinta dal nuovo motore Cosworth V8. Dopo la morte dei suoi compagni di squadra, Clark e Spence, all'inizio del 1968, Graham prese le redini della squadra, vincendo il suo secondo titolo nel 1968.

Graham Hill nel 1968
In quel periodo, la Lotus aveva fama di vettura fragile e pericolosa, specialmente con i nuovi dispositivi aerodinamici, che causarono incidenti molto simili a Hill e Rindt, nel corso del Gran Premio di Spagna 1969.
Un incidente al Gran Premio degli Stati Uniti 1969 gli provocò fratture alle gambe, interrompendo la sua carriera.
Dopo essersi ristabilito, Hill continuò a correre in Formula 1 per alcuni anni, senza però ottenere gli stessi successi.
Colin Chapman riteneva che Hill fosse ormai a fine carriera, e lo sistemò per il 1970 nella squadra di Rob Walker, fornendo anche, come parte dell'accordo, una delle nuove vetture modello 72.
L'incidente 1969 in Spagna

Al primo Gran Premio in Sudafrica, Hill arrivò sorprendentemente sesto, un ottimo piazzamento, dato che ancora aveva bisogno di una stampella per camminare.
Ottenne poi un ottimo quarto posto in Spagna e un quinto a Monaco. Dopo questo discreto inizio, la Lotus 49 cominciò a essere inadeguata, ed anche la Lotus 72 promessa da Chapman non venne consegnata al team di Walker fino a Monza,
dove però nessuna Lotus gareggiò dopo la scomparsa di Rindt.
Hill passò quindi alla Brabham per il 1971-2: la sua ultima vittoria in Formula 1 arrivò all'International Trophy di Silverstone, nel 1971, gara non valida per il campionato, con la Brabham BT34.
La squadra era comunque in crisi, dopo il ritiro di Jack Brabham e la vendita a Bernie Ecclestone da parte di Ron Tauranac; Hill non riuscí piú a sistemarsi.
Pur concentrandosi sulla Formula 1, mantenne una presenza anche nelle corse per vetture Sport, comprese due partecipazioni a Le Mans, con una Rover-BRM a turbina.
Con il declino della sua carriera in Formula 1, entrò a far parte della squadra Matra di vetture Sport, vincendo la 24 Ore di Le Mans nel 1972,insieme a Henri Pescarolo. Questa vittoria completò la cosiddetta "Tripla Corona" dell'automobilismo, in entrambe le definizioni che ne vengono date (vittoria alla 500 miglia di Indianapolis, alla 24 Ore di Le Mans e al Gran Premio di Monaco, oppure alla 500 Miglia di Indianapolis, alla 24 Ore di Le Mans, e nel Campionato Mondiale di Formula 1).
In entrambi i casi, Hill è ancora l'unica persona ad aver ottenuto queste vittorie.

                                                                                      Attività di costruttore

In Formula 1, i posti nelle squadre ufficiali cominciavano a scarseggiare, per cui Hill decise di costituire una propria squadra, nel 1973, con la sponsorizzazione della Imperial Tobacco, costituì la Embassy Hill.
Inizialmente la squadra utilizzò telai Shadow e Lola, prima di sviluppare quest'ultimo in un proprio progetto originale, nel 1975.
Dopo aver fallito la qualificazione al Gran Premio di Monaco del 1975, che aveva vinto cinque volte, Hill decise di ritirarsi dall'attività di pilota, per concentrarsi sulla gestione della squadra, aiutando il proprio pupillo Tony Brise.
Il record di 176 Gran Premi iniziati è rimasto valido oltre 10 anni, fino a quando non venne eguagliato da Jacques Laffite.


Nella parte finale della sua carriera, Hill era noto per il suo spirito e divenne un personaggio popolare:
era regolarmente ospite di trasmissioni televisive e scrisse un'autobiografia particolarmente schietta ed arguta, durante la riabilitazione dopo l'incidente del 1969, intitolata "Una Vita al Limite" ("Life at the Limit").
Fu coinvolto nella realizzazione di quattro film, tra il 1966 ed il 1974, comprese le apparizioni in "Grand Prix" e "Il Giorno del Toro" (Caravan to Vaccarès), in cui impersonò un pilota di elicottero.
L'incidente aereo: Nel novembre del 1975, di ritorno dal circuito francese di Paul Ricard, l'aereo pilotato da Hill si schiantò in un campo da golf a nord di Londra.
Hill stava tentando di portare a terra il proprio Piper Aztec in condizioni particolarmente difficili, di scarsa visibilità;
insieme a Hill morirono nell'incidente il team manager Ray Brimble, i meccanici Tony Alcock e Terry Richards, il promettente pilota Tony Brise e il progettista Andy Smallman, tutti parte della squadra Embassy Hill.
La successiva inchiesta pose in luce la decisione del pilota di non cambiare destinazione verso un aeroporto con condizioni migliori.
Onoreficenze:
Gli vennero dedicate, tra le altre, una strada nella città di Silverstone, sede dell'omonimo tracciato, una curva della pista di Brands Hatch e una scuola materna a Lusevera, in Friuli.
Famiglia:
Hill sposò la moglie Bette nel 1955. Ebbero due figlie femmine, Brigitte e Samantha, e un maschio, Damon, che nel 1996 è diventato campione del mondo di Formula 1; Graham e Damon sono l'unica coppia padre-figlio ad aver vinto entrambi almeno un mondiale di Formula 1.
Palmarés: È stato l'unico pilota ad avere vinto la 500 Miglia di Indianapolis, la 24 Ore di Le Mans e il campionato del mondo di Formula 1.
Fino al 1993, detenne il record di vittorie al Gran Premio di Monaco, con 5 successi.
Inoltre è stato il pilota che ha corso più stagioni in Formula 1, ben 18, fino al 2011, quando fu superato da Rubens Barrichello.
Hill era particolarmente conosciuto anche per l'intelligenza e la regolarità della sua condotta di gara.

Campione del Mondo (1962, 1968)
GP disputati 179 (176 partenze)
GP vinti 14
Podi 36
Pole position 13
Giri veloci 10

Nessun commento:

Posta un commento